Dieta del Supermetabolismo: Funziona? Menù Settimanale e Schema

Che cos’è la dieta del supermetabolismo e come funziona? Menù settimanale con schema giornaliero di uno dei regimi alimentari più seguiti dalle star internazionali.

Grandi star del calibro di Reese Witherspoon e Jennifer Lopez ne parlano entusiasti. Stiamo parlando della dieta del supermetabolismo, conosciuta ai più come dieta metabolica e che fa parte del nostro programma per dimagrire 10 kg in un mese. Ma funziona davvero? Vediamo insieme il menù settimanale, lo schema e tutto quello che occorre sapere.

Dieta del supermetabolismo: cos’è?

Obiettivo? Dimagrire. La dieta del supermetabolismo, messa a punto da Haylie Pomroy definita la nutrizionista delle dive, punta a riattivare in maniera mirata il metabolismo, grazie a una rotazione equilibrata degli alimenti. Tale rotazione è capace di stimolare e rigenerare ghiandole surrenali, fegato e tiroide. Le premesse e le promesse sono buone: perdere mediamente 5-6 kg in un mese. Le previsioni più ottimistiche attestano la perdita di peso anche a 10 kg nei 30 giorni, ma come risaputo non tutti gli individui sono uguale e ci sono sostanziali differenze tra uomo e donna nel ritrovare il peso forma. Un vantaggio innegabile è che non sarà necessario pesare gli alimenti, pratica decisamente odiosa per qualunque persona si possa mettere a dieta. Sono previste tre fasi della durata totale di una settimana ciascuna, che devono essere ciclicamente ripetute. (Vedi anche: La Dieta Mima Digiuno)

Come anticipato, la dieta del supermetabolismo prevede delle fasi in cui sono concessi alcuni alimenti e vietati degli altri, mentre altri sono totalmente esclusi. Stilare un menù settimanale non è certamente difficile, perché eccezion fatta per pasta, pane e latticini, gli altri vietati sono alimenti di cui si può fare tranquillamente a meno. Ci sono però alcune raccomandazioni piuttosto rigide che andranno seguite in questo menù settimanale, come il fatto che la colazione deve essere consumata entro trenta minuti dal risveglio, che non è concesso il consumo di altri alimenti se non quelli indicati, senza strappi, e che si devono assumere giornalmente almeno 30 ml di acqua per ogni chilogrammo del peso corporeo. In altre parole, ipotizzando un peso di 80 kg, si dovranno assumere circa 2,5 litri di acqua. (Vedi anche: La Dieta Mediterranea)

Dieta del supermetabolismo Menù

Di seguito uno dei menù possibili per la dieta del supermetabolismo suddiviso nei sette giorni della settimana. Ricordiamo in ogni caso come prima di intraprendere qualsiasi tipologia di dieta, come sia importante rivolgersi al proprio nutrizionista di fiducia.

Lunedì

  • Frullato di frutta fresca e fiocchi di avena.
  • Insalata con tonno, spinaci e mela.
  • Riso e Wurstel di pollo.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. 2 mele e un’arancia.

Martedì

  • Pane tostato e fragole.
  • Riso e Wurstel di pollo.
  • Filetto di manzo con contorno di spinaci.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Un mango e due pere.

Mercoledì

  • Omelette di 3 albumi e funghi.
  • Peperone farcito con cetrioli e tonno.
  • Filetto di manzo e spinaci.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Fesa di tacchino e bresaola.

Giovedì

  • Omelette di 3 albumi e spinaci.
  • Filetto di manzo e verdure.
  • Fesa di vitello grigliata e mix di verdure.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Fettine di salmone affumicato e 3 uova sode senza tuorlo.

Venerdì

  • Pane tostato con uovo, cipolla e pomodoro.
  • Insalata con tonno.
  • Lonza di maiale con contorno di patate.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Una manciata di mandorle e pistacchi.

Sabato

  • Pane tostato e margarina.
  • Insalata di pomodori.
  • Pesce spada con olive.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Sedano con maionese e mezzo avocado.

Domenica

  • Frullato di frutta fresca e fiocchi d’avena.
  • Insalata di gamberetti.
  • Salmone con patate.
  • Spuntini metà mattina/ metà pomeriggio. Una manciata di nocciole e mix di verdure.

Dieta del supermetabolismo schema

Come anticipato, per la dieta del supermetabolismo è previsto uno schema composto da tre fasi che andranno ripetute ciclicamente.

  • Prima fase. Della durata di due giorni, prevede soprattutto l’assunzione di frutta e cereali. Sono contemplate le verdure a foglia verde, come gli spinaci, le bietole, la lattuga, le cime di rapa ed altre ancora. Anche peperoni, pomodori, zucchine, legumi, broccoli, melanzane e funghi sono inclusi. Per quanto riguarda l’apporto proteico, sono concesse le carni bianche, pesci come il merluzzo o la sogliola e i salumi magri come prosciutto o fesa di tacchino. Categoricamente banditi invece i latticini e qualsiasi altro alimento non compreso in questo elenco.
  • Seconda fase. Anche in questo caso la durata è di due giorni. Oltre alle verdure a foglia verde sopra elencate, potranno essere consumati solamente due frutti che siano a basso contenuto di zucchero. Quantità superiori sono bandite, così come i cereali, i latticini e i legumi. Concesse invece le carni magre, salumi leggeri e il pesce.
  • Terza fase. Quest’ultima fase a differenze delle precedenti dura tre giorni e contempla frutta, proteine, grassi buoni e cereali. In tale fase sarà possibile, oltre alle verdure a foglia verde, riprendere l’assunzione di legumi, cetrioli, peperoni, melanzane, zucchine, broccoli e funghi.. Contemplati infine frutta fresca, orzo, riso, olio di oliva, semi di girasole, burro di arachidi, zucca e sesamo.

E per quanto riguarda le bevande ammesse? Sono ammesse tranquillamente in tutte e tre le fasi  le tisane non zuccherate (magari allo zenzero e limone), il the deteinato, brodo di manzo (sgrassato), salsa di pomodoro e ovviamente tanta acqua. L’ideale, secondo la dieta del supermetabolismo, sarebbe consumare 5 pasti giornalieri con quantità modeste, con intervalli regolari di 3-4 ore, preferendo alimenti privi di conservati e bio. Assolutamente banditi i digiuni, le bevande alcoliche, il caffè, gli zuccheri raffinati, i succhi di frutta ed alimenti OGM. (Vedi anche: Dieta detox dimagrante)

Dieta del supermetabolismo ricette

Uno dei vantaggi di questa dieta è che si tratta di una dieta piuttosto equilibrata e che lascia spazio alla fantasia, differentemente, ad esempio, della Dieta Plank o della Dieta Senza Carboidrati. Con questi presupposti, trovare delle ricette che si possano integrare perfettamente non è difficile e sicuramente può essere anche piacevole sperimentare, sempre rimanendo nei dettami degli alimenti concessi. Di seguito alcune gustose ricette.

Frullato di fragole

  • 110 gr di latte di riso
  • 1 tazza (250 ml) di fragole
  • 3 cucchiai di fiocchi di avena
  • 1 cucchiaino di truvia

Mettere a “mollo” i fiocchi di avena nel latte. Mentre si aspetta che questi si ammorbidiscano, lavare e affettare le fragole. Successivamente mettere tutti gli ingredienti nel frullatore e mixare il tutto.

Riso venere con pollo e verdure

  • Riso venere (cotto)
  • 120 gr di bocconcini di petto di pollo
  • zucchine – peperoni – cipollotto di tropea (quantità libera)
  • brodo vegetale bio q.b.
  • cumino: una manciatina di semi
  • sale e e pepe q.b. (senza esagerare con il sale)

Dopo aver lavato accuratamente le verdure ed averle tagliate, si dovranno far saltare in padella i bocconcini di pollo e i semi di cumino. Una volta che i bocconcini saranno belli dorati, si potranno aggiungere le verdure e dopo qualche minuto aggiungere il brodo vegetale. Quando le verdure saranno cotte, aggiungere il riso ed amalgamare il tutto. Per rendere il piatto ancora più gustoso, è possibile prendere una parte di verdure e frullarla, per creare una cremina di condimento.

Zuppa di pollo con riso integrale e verdure

  • 120 gr di petto di pollo a dadini
  • 2 tazze di verdure (broccolo romano, zucchina, zucca, cipolla rossa)
  • 1 foglia di alloro
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 tazza di brodo vegetale
  • 1 tazza (cotto) di riso baldo integrale

Mettere a crudo tutti gli ingredienti, ovviamente riso escluso, in una pentola possibilmente di coccio. Fare rosolare, aggiungere due tazze di brodo vegetale e portare ad ebollizione. Successivamente aggiungere il riso integrare e terminare la cottura secondo le preferenze.

Dieta del supermetabolismo funziona?

L’America è da sempre patria di proposte alimentari dalla credibilità più o meno dubbia, ma in questo caso la dieta del supermetabolismo ha davvero spopolato, grazie a testimonial la cui fama è davvero indiscutibile, come l’Iron Man Robert Downey Junior, Cher, Raquel Welch ed altri ancora. Per quanto riguarda l’effettivo funzionamento, non si può che constatare che gli alimenti presenti nella dieta sono decisamente sani, e sicuramente non “innovativi”. Siamo di fronte quindi a una dieta equilibrata, con fasi di breve durata, non è noiosa né stressante come, ad esempio, potrebbero essere le diete ipocaloriche come quelle chetogeniche. Si tratta comunque di una dieta sana!

Non sono nemmeno presenti strani “beveroni”, pastiglie o altri ritrovati mirabolanti, quindi abbinandola ad un sano esercizio fisico di almeno una mezz’ora per tre volte a settimana, il risultato promesso sarà quasi sicuramente conseguito. Volendo fare un appunto, l’unica cosa che lascia perplessa l’utenza italiana è la totale assenza di pasta, pane e latticini, tutti alimenti che sono alla base dell’alimentazione mediterranea.

Haylie Pomroy

Haylie Pomroy, l’inventrice della dieta del supermetabolismo, è una nutrizionista esperta di salute, ad oggi anche scrittrice di best seller distribuiti e tradotti in più di dieci paesi. La nutrizionista pensa al cibo non come un nemico da sconfiggere, bensì come ad un prezioso alleato, e da oltre un ventennio aiuta le persone di mezzo mondo a perdere peso. Sempre con un occhio di riguardo alla salute, alla qualità del cibo ed evitando atroci sofferenze per dimagrire. Gode davvero di una grande considerazione nell’ambiente medico e a Hollywood, per le sue capacità di far perdere peso rapidamente, ma in maniera sana.

Lista principali Diete